Come migliorare la propria autostima e autoefficacia

Condividi sui Social

L’autostima è una forza che spinge all’azione, un’ energia che ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi e concerne il modo più profondo di essere percepito.

…la persona che ha autostima è quella che sa controllare e gestire le diverse situazioni conflittuali che giornalmente ci si presentano; colui che ha autostima sarà in grado di avviare più iniziative, di assumersi in pieno le proprie responsabilità e di accettare le sfide in senso positivo. Al contrario, colui che non possiede autostima tenderà a rifuggire le sue stesse responsabilità, nell’incapacità di gestire le situazioni nuove che, in quanto tali, portano rischi ed interferenze”. A. Bandura 

Per autostima si intende il rapporto tra il se ideale e il se percepito, il giudizio di valore che attribuiamo a noi stessi. Il nostro livello di autostima non è altro che una convinzione e come tale la si può allenare, trasformare e migliorare

Un livello di autostima alto agevola l’individuo a raggiungere l’autorealizzazione  e vivere meglio. Un basso livello di autostima ci rallenta fino a bloccarci del tutto.

L’autostima è  l’elemento chiave per ottenere il successo personale e professionale

Il primo passo è quello di acquisire una buona consapevolezza di se stessi  per darci il giusto valore. Se non siamo al corrente delle emozioni e delle convinzioni che ci governano sarà impossibile riuscire ad incoraggiare la propria autostima.

L’autostima è per definizione il giudizio di valore che ognuno di noi da a se stesso e coinvolge tre aspetti fondamentali:

  • l’amore verso di se
  • la visione di se
  • la fiducia in se

Come diventare più consapevoli? come acquisire più fiducia ed essere felice?

Il coaching e self coaching sono modelli utili basati sul fare, che aiutano a migliorare e accrescere la propria autostima. La logica del metodo fornisce elementi concreti, utili ad allenare l’autostima , favorendo lo sviluppo e la crescita .

Attraverso il coaching rielabori le tue convinzioni, migliori la conoscenza di te stesso e pianifichi i tuoi obiettivi promuovendo motivazione ed emozione.

Allenare bene l’autostima è la strada più breve per la felicita, prova a farti queste domande:

  • Quanto ti stimi?
  • Quale motivo ti spinge ad avere scarsa autostima?
  • Da dove viene questa tua convinzione?
  • Da o a 10 quanto vali?

Il nostro valore non sta in ciò che abbiamo fatto nel passato ma in ciò che facciamo ogni giorno  e che siamo disposti a fare per andare verso i nostri sogni.

Noi siamo il frutto delle nostre azioni passate, ma chi saremo è la conseguenza delle azioni che decidiamo di intraprendere. Il passato è andato.

Qualunque errore tu possa aver commesso nell vita, ogni giorno abbiamo nuove opportunità per dimostrare  a noi stessi e agli altri il nostro Valore.

Esercizi di Autostima

.1 L’accettazione del proprio essere è il primo passo per il miglioramento.

Guardati allo specchi, osservati senza giudicare. fai attenzione a tutti i particolari, che sensazioni provi? malessere, benessere?

Cosa non ti piace? Quando trovi qualcosa che non ti va bene, pensa “non mi piace ma accetto lo stesso questa parte”. Nel momento dell’accettazione il corpo si rilassa. L’autostima è legata alla visione di se stessi e lavorare sull’accettazione del proprio essere è uno dei primi tasselli per migliorare il giudizio verso se stessi.

Alcune pratiche meditative e di rilassamento possono esserti utili per raggiunger e un livello maggiore di consapevolezza. 

.2  Crea nuove abitudini. Il cambiamento invia un’immagine positiva di se positiva incrementando l’autoefficacia percepita.

.3 Prenditi cura di te. lo stato fisiologico si riflette sullo stato emotivo, curare il proprio corpo aumenta il nostro stato di benessere psicologico. Migliora la tua alimentazione, fai più movimento, ragalati un massaggio. Ama Te Stesso ( leggi qui )

.4 Cura il tuo aspetto e la ta mente. Indossa gli abiti che ti fanno sentire a tuo agio, abbi cura del tuo aspetto senza ignorare la tua personalità, non smettere di studiare.

.5 Smetti di rimandare. L’azione è la migliore cura alla bassa autostima. Procrastinare è l’atteggiamento tipico di chi ha poca stima di se. Ti porterà ad elevati livelli di stress ed immobilità. Scrivi nel tuo diario ( come tenere un diario ) ogni giorno, una lista di azioni positive. Non devi aver fatto l’eroe, o compiuto imprese epiche. Ogni azione consapevole svolta con l’intento di raggiungere un obiettivo è un’azione positiva. Questo ti aiuterà ad essere consapevole ed allenare il tuo ottimismo e la fiducia di se.

.6 Pratica la gratitudine ( ecco come )  Non smetterò mai di professare l’importanza di questa pratica.

Incominciamo con essere grati verso noi stessi. Essere grati di essere vivi, probabilmente al sicuro e in un luogo dove non piovono bombe.

Questa semplice constatazione, così semplice, così ingenua, se accolta con piena consapevolezza potrebbe già contribuire ad essere un antidoto contro l’infelicità.

Sono vivo e sono grato di esserlo.

Se non hai letto l’articolo sulla gratitudine, FALLO SUBITO DOPO QUESTO.

.7 Lavora sui tuoi obiettivi e valori. Come abbiamo visto negli articoli precedenti, avere buoni obiettivi e conoscere i propri valori e potenzialità è il miglio modo di mantenere la propria motivazione alta, ottenere successi giornalieri e di conseguenza migliorare l’autostima.

L’autostima è la coscienza del proprio valore pur nella consapevolezza dei propri limiti: autostima vuol dire “Essere presso di sé”, sentendo il proprio corpo e sentendosi bene con e in esso” (Grun).

Altro modo di allenare l’autostima è agire sul senso di  autoefficacia.

L’autoefficacia è la percezione che abbiamo di noi stessi in merito al saper fare qualcosa. E’ la  consapevolezza di essere in grado o meno di dominare certe attività. In base alla nostra percezione e di conseguenza, alla nostra autoefficacia, riusciamo a mantenere alta la motivazione o al contrario appiattirla completamente.

Avere una cattiva percezione delle nostre abilità ci fa sentire inadatti e incapaci. Potremmo percepire che lo sforzo necessario per compiere una determinata azione è troppo complesso o grande rispetto alle nostre capacita .

La buona notizia è che l’autoefficacia non è altro che una credenza, esattamente come tutte le altre credenze che abbiamo visto nelle pagine di questi articoli.

Se sei disposto a lavorare su te stesso il coaching ti aiuta a pianificare il tuo allenamento, rielaborare le convinzioni e convertire le tue azioni in performance.

Allenare l’autoefficacia è la via più breve e diretta verso un miglioramento esponenziale della propria autostima.

Autostima e Autoefficacia sono intimamente interconnesse.

Lavorando sulle nostre azioni e convinzioni attraverso l’autoefficacia si innalza anche il giudizio nei nostri confronti, spianando la strada verso la felicità e il benessere emotivo.

Quando hai una bassa autoefficacia in merito ad una specifica situazione, comunicherai con te stesso in maniera negativa, probabilmente ti dirai NON CI RIESCO e utilizzerai frasi come:

Non sono portato, non imparerò mai l’inglese, non mi piace per niente.

Ti è mai accaduto?

l’autoefficacia è una convinzione e come tale siamo in grado di comprendere da dove deriva e ristrutturarla in maniera tale da trasformala da disfunzionale a funzionale.

Ecco come Migliorare l’autoefficacia secondo A. Bandura:

Esperienze dirette – Richiamare a memoria situazione positive passate, efficaci e affrontate con successo. Riportarle alla mente consolida le nostre aspettative future

Esperienze Vicarie – Richiamare in memoria esperienze passate, positive efficaci fornita dall’osservazione di altre persone (i cosiddetti modelli). Queste devono essere il più vicine possibili, simili, per essere efficaci e utili. Vedere altre persone che raggiungono i propri obiettivi attraverso l’impegno e l’azione personale incrementa la convinzione di possedere quelle stesse capacità. Al contrario, vedere persone che falliscono, nonostante l’impegno profuso, indebolisce il senso di efficacia personale.

Persuasione verbale –  consolida la convinzione di essere in possesso di ciò che occorre per riuscire. Quanto viene detto da un terzo, soprattutto se questi è ritenuto autorevole dalla persona che beneficia della persuasione, può incidere in modo tale da generare un impegno maggiore e più prolungato. Purtroppo le aspettative di efficacia che ne derivano sono meno forti di quelle prodotte dall’esperienza pratica.

Stati fisiologici e affettivi – Le situazioni di stress e di forte tensione vengono percepite come la previsione di una scarsa efficacia. Non è la reale intensità delle reazioni emotive e fisiche a essere valutata, quanto il modo in cui esse vengono percepite ed interpretate. Ridurre lo stress, allenare la cura di sé, gestire efficacemente il tempo, permettono di recuperare l’energia mancante per un buon rendimento e un risultato corretto.

Fonte: Prometeo Coaching – Albert Bandura

Nel Coaching l’autoefficacia è uno degli strumenti più importanti per raggiungere gli obiettivi, poiché si tratta di una convinzione legata al fare, allenabile attraverso un piano d’azione e la consapevolezza

L’essere umano è unico ed irripetibili, ricette miracolose non sortiscono  alcun effetto. La felicità e il successo si ottengono attraverso un lavoro costante e mirato. Su questo si basa il metodo di crescita e che pura vida ha adottato..

Condividi questo articolo e non dimenticare di iscriverti alla newsletter

a Domani

 

Formula magica del successo: Trova i tuoi Perché e Agisci finchè non funziona!

Come trasformare i buoni propositi in azioni e rendere questo nuovo anno SPETTACOLARE

 

Chi siamo oggi è frutto del nostro passato – Chi saremo domani è il risultato delle nostre azioni Adesso. Come iniziare a fare!

© 2019 Pura Vida Coaching ! P. IVA 01833230897