4 dure verità che ti renderanno una persona migliore

Condividi sui Social

 

Nessuno raccomanda la negazione e nessuno raccomanda di procrastinare e purtroppo siamo inclini ad entrambe le cose

La negazione è procrastinazione esistenziale

 

Ogni volta che sentiamo qualcuno dire “guarda in faccia la realtà”, sappiamo che andiamo in contro a qualcosa che non ci piacerà .. forse a causa del cliche “la verità fa male!”

Oggi vi mostro 4 indiscutibili e difficili verità da cui impareremo ad covertire, ciò che sembra un pozzo di disperazione, in un trampolino di lancio che ci farà rimbalzare verso nuovi livelli di comprensione.

Queste quattro verità ci renderanno migliori

 

.1 Indovina un po’ ? Morirai

Mmm non e il massimo come affermazione se leggi questo articolo appena sveglio!

Tutti noi lo sappiamo, ma facciamo in modo di vivere come se non lo sapessimo.

Agiamo come se ci fosse sempre un altro giorno, un altro mese e un altro anno. Dando per scontato qualcosa che non dipende assolutamente da noi.

Ci chiediamo dove sia andato a finire il nostro tempo, come ci siamo trovati a trent’anni senza che ce ne accorgessimo.

E non pensiamo alla morte semplicemente perchè ci spaventa

Molti grandi pensatori, inclusi gli stoici e i samurai erano fermamente convinti che, essere assolutamente consapevoli della morte ci aiuta a Vivere una vita migliore.

Questo pensiero è suffragato dalla scienza:

Pensare alla morte è obiettivamente una cosa positiva . La consapevolezza circa la nostra mortalità può aiutare a migliorare la nostra  forma mentale e fisica  e ridare priorità alla nostra scala di valori e obiettivi.

Guardiamo in faccia la realtà .. ( eccola di nuovo!) quanto riesci a portare a termine qualcosa senza avere una deadline? Una linea di demarcazione temporale?

Bene, ne abbiamo una molto ben marcata.

La data è abbastanza incerta ma il Riposo è assicurato

Se non avessimo una data di passaggio all’aldilà , procrastineremmo di secolo in secolo…

Hai a disposizione circa 30.000 giorni, giorno piu giorno meno, e buona parte di questi sono già stati impiegati .

La morte rimette in prospettiva le cose importanti della vita .

Tuttavia continuiamo ad ignorarla…

Perdiamo traccia delle cose veramente importanti. Di ciò che per noi conta veramente . Le nostre priorità si perdono in labirinti nebbiosi , pensando sempre che ci sarà un domani, un altro giorno o l’anno prossimo.

Perdiamo traccia di cosa ci fa stare bene, di cosa ci diverte. Gli amici vengono ignorati, cosi come i membri della famiglia, le nostre passioni,  i giorni di ferie non vengono utilizzati e continuiamo a procrastinare.

Non riconosciamo una grande verità: Che c’è una fine. E continuiamo a uccidere il nostro tempo.

Io penso che questo sia più spaventoso della morte stessa

Quando Karl Pillemer della Cornell University studiò 1200 persone dell’età compresa tra i 70 to 100+, chiese loro quale fosse la lezione più importante che volessero trasferire alle nuove generazioni

La lezione assolutamente numero uno che quasi tutti i 1200 hanno condiviso è

La vita e breve ( in alcuni casi la frase esatta è:  la vita e fottutamente breve)

Secondo gli studi, questa affermazione deve essere un modo per incoraggiare i giovani a prendere delle scelte migliori e non un modo per deprimerli.

Quando comprendi che i giorni sono numerati e che l’ego che ci porta a vivere una vita uomo-centrica , finirà anch’esso con il finire dei nostri giorni, comincerai a prendere decisioni migliori.

Quando siamo consapevoli della quantità

Miglioriamo la qualità

Seneca, filosofo stoico, ricorda

Non è vero che abbiamo un tempo troppo limitato, piuttosto dilapidiamo la gran parte di esso.

la vita e lunga abbastanza , ed è concessa in sufficiente mistura per fare molte grandi cose, se la viviamo bene .

Ma quando viene e gettata nella fogna con superficialità, quando impieghiamo la vita per fini non buoni, saremo costretti, un giorno, a renderci conto che la vita è trascorsa prima che potessimo accorgercene

Non riceviamo una vita breve … la rendiamo breve

Cosa dovremmo fare ?

Vivi ogni giorno come se fosse l’ultimo , questo è ciò che la ricercatrice Sonja Lyubomirsky pensa sia la soluzione .

Quando una fine è in vista, riusciamo ad apprezzare meglio le cose…

Quando pensiamo che stiamo osservando , sentendo, facendo, qualcosa per l’ultima volta , percepiremo l’esperienza come se fosse la prima volta. Questo renderà la nostr vita migliore e piu ricca di soddisfazione .

Amici mortali, abbiamo visto che stiamo facendo la cosa giusta perchè non abbiamo un tempo illimitato.

La prossima  verità riguarda il tempo e le cose da fare mentre siamo in vita !

.2 Ogni cosa che abbia un valore avrà bisogno di più lavoro di quanto tu possa aver immaginato

Abbiamo sentito milioni di volte la frase: hai bisogno di 10.00 ore per diventare un esperto in qualcosa. Ma questa affermazione e in relata scorretta.. troppo ottimistica

Ha bisogno di 10.000 ore di pratica deliberata per diventare un esperto. Hai speso 10,000 ore in macchina ma non sei pronto per guidare una f1 o affrontare la Le Mans 24h.

“Deliberate practice” o pratica deliberata significa che spendere 10.000 concentrandoti a spingere te stesso al limite per riuscire a superarlo.

Molto duro.. nessuno dice che è facile

Ok forse non vuoi dipingere la prossima Guernica o inventare il prossimo facebook,

Non importa

Affronterai comunque sfide che ti sottrarranno molto tempo e fatica.

Quando guardiamo i migliori nei loro ambiti, scopriamo che tutti loro hanno fronteggiato a testa alta ( o bassa sui libri, pc, laptop ecc) questa dura verità . Molti di loro sono stati dei Workaholic

 per eccellere nella loro carriera , come partner o come genitore.

Quindi sarai stressato, miserabile e morirai giovane…

Per fortuna no

Almeno se lo fai bene.

Essere appassionato in merito a qualcosa rende la vita più ricca di significato fino alla fine…

Le persone di una certa eta che sono state appassionate hanno ottenuto punteggi superiori in vari indicatori di benessere psicologico e felicita , contemporaneamente hanno riportato punteggi molto bassi relativi ai fattori negativi, come depressione e ansia.

E se abbracci la sfida, non morirà giovane

The Terman Study, uno studio di oltre 8 decadi e che ha seguito oltre 1500 persone dalla nascita fino alla morte, ha scoperto che le persone che hanno lavorato sodo hanno vissuto più a lungo.

Essere troppo sfaccendato e non compiere nulla di significante… questo ti uccide.

Coloro che avevano ottenuto un maggiore successo personale sono anche coloro che avevano la percentuale inferiore di morte, al contrario coloro che non avevano ambizioni e avevano lavorato superficialmente senza passione hanno ottenuto percentuali incredibilmente superiori di morte rispetto al campione studio precedente.

Lottare non porta alla felicita nel breve periodo ma conduce ad una vita degna e ricca di significato

Ma cosa accade se non siamo stati benedetti dalla divina ispirazione e non abbiamo trovato ciò che ci appassiona ? il professore  Cal Newport dice che per chi non ha una passione innata allora la costruisce!

Se studi coloro che si sono trovati ad amare la loro carriera troverai che i requisiti necessari per raggiungere una carriera a lungo termine non sono legati ad una singola area o ad un lavoro specifico. Autonomia , senso di avere un impatto nel mondo,   gratitudine per il saper fare bene qualcosa, connessione con altre perone, queste peculiarità sono forme di passione preinstallate nel nostro modo di essere

Spenderai moto tempo e fatica in qualcosa nella tua vita. Puoi decidere di farlo con risentimento e agire solo per andare avanti o impegnarti a fondo, costruire , appassionarti e raccogliere grandi riconoscimenti.

Non fermarti a tollerare le tue lotte, abbracciale .

Dirigile verso un obiettivo e forgia del significato attorno a loro

 

Abbiamo visto che per dare significato alla vita dobbiamo essere consapevoli della morte.

Che per raggiungere il successo la chiave e la passione

Tutti noi vogliamo essere felici .

Ma come diventare felici e rimanere in questo stato di pace e serenità?

Come raggiungere lo stato ottimale di felicita e rimanere li? Questo ci porta alla dura verità numero tre:

 

.3 Non potrai essere mai completamente e perfettamente felice

Ok ok, il titolo diceva le 4 dure verità, per cui non lamentarti , fidati di me e andiamo avanti

Siamo sempre alla ricerca del traguardo perfetto.

Se realizzo x soldi sarò felice per sempre, se trovassi la mia anima gemella sarò felice per sempre, se ottenessi la promozione, se, se, se

Perdonami, risposta sbagliata.

Avrai sempre un senso di incompletezza e sconforto, anche quando otterrai cio che credi ti renderà felice.

Perche ?

Il nostro cervello non è programmato per la felicita perpetua . Infatti è programmato proprio per il contrario

La selezione naturale non vuole che tu sia perpetuamente  felice. Vuole che tu sia produttivo.

E il modo di renderti produttivo e di rendere l’anticipazione del piacere molto forte, ma il piacere in se non duraturo.

Siamo nati per sopravvivere. Ed essere perpetuamente felici ridurrebbe il nostro senso del fare. In un mondo di tigri con i denti a sciabola questo significa morte.

Ma solo perchè non raggiungeremo mai la felicita perenne non significa che la vita sia terribile , anzi–

The Grant Study  è un altro di quei studi che ha seguito la vita delle persone dalla nascita alla morte. I soggetti che erano si reputavano maggiormente felici non lo erano perchè si sentivano felici ogni giorno, piuttosto, perchè avevano appreso come far fronte alle inevitabili batoste che la vita gli dava.

Insistere sulla convinzione che la vita deve essere costante felicità è il modo più sicuro ed efficiente per incontrare infelicita e insoddisfazione

Vai incontro ai buoni momenti, accetta le Batoste e ritorna a lavorare per i buoni momenti…

Pensare di vivere una vita di perpetua felicita non è realistico.

Almeno potrai contare sulle persone vicine durante i momenti difficili…

Ecco la quarta dura verità

4. Le persone ti deluderanno

All’inizio ho scritto parleremo di verità negative che in realtà si trasformano in trampolini di lancio positivi.. ecco la quarta

Molti dei segreti che hai rivelato al tuo migliore amico, a cui hai chiesto di non parlarne con  nessuno , sono già di dominio pubblico. Ouops…

E se vuoi veramente essere certo che qualcosa venga detto a tutti, ricorda di di aggiungere “mantienti questo segreto tra me e te , e importante.”

 

In uno studio il 60 percento delle persone ammetteva di aver confidato i segreti anche dei loro migliori amici..

La conclusione.. non ti fidare di nessuno, chiudi di in te stesso e non parlare con anima viva

Sbagliato, scorretto, negativo.

 

Si, verrai fregato occasionalmente.

Benvenuto nel pianeta terra

 

E pensare il contrario è assolutamente naive e da mondo delle fate.

Considerando tuttavia il lungo termine, coloro che danno più fiducia sono coloro che vivono meglio e guadagnano di più.

Non parliamo di piccoli segreti ma di cose importanti.

I picchi di introiti di coloro che si fidano maggiormente delle persone sono superiori di chi ha difficolta ad avere fiducia.

Cosa potemmo fare con questi gruzoletti ottenuti grazie alla fiducia? ?

La risposta e nuovamente le persone.

Ricerche condotte da Michael Norton ad Harvard dimostrano che siamo più felici quando spendiamo per altri invece che solo per noi stessi.

Le persone ci deluderanno, questa si chiama vita

Tutta vita, a lungo andare, stiamo meglio quando ci fidiamo e perdoniamo .

Pensa ad una relazione, Senza fiducia non esiste felicita

The Grant Study conclude che la capacita di amare e d essere amati è la singola e più importante forza associata al benessere all’età di 80 anni

Non possiamo evitate delusioni occasionali

Ti aspetti che le persone siano perfette. Bravo, stai facendo di tutto per danneggiarti

E se qualcuno sembra perfetto… forse è meglio essere sospettosi.

IL GIORNO CHE POTRAI ASPETTARTI LA PERFEZIONE DAGLI ALTRI è IL GIORNO IN CUI TU STESSO SARAI PERFETTO

Riassumendo

Le 4 verta che ti faranno una persona migliore:

Morirai. Hai una deadline . Letteralmente dead line … concentrati su ciò che conta e celebra ogni giorno. Non è assolutamente scontato. Meglio avere una vita breve ma spettacolare piuttosto che una vita lunga, insignificante e disgustosa.

– Ogni cosa per cui vale la lottare richiede più lavoro del previsto
“Che cavolo ho fatto oggi?” … non hai intenzione di chiederti questo riguardo la tua vita 
Abbraccia le sfide e appassionati di ciò che stai facendo. Il segreto è che non ci sono segreti. 

– Non sarai mai perfettamente felice e non hai bisogno di esserlo. Insistere nel cercare la “ultimate happiness” è il modo più sicuro per incontrare l’infelicita.
Sii grato per ciò che hai e gentilmente vai in direzione dei tuoi obiettivi.

– Le persone ti deluderanno. Potrai insistere che gli altri siano perfetti il giorno che tu sarai perfetto … mai
Le persone ti causeranno problemi , ma saranno anche la principale fonte di felicita..

 

La vita è una sfida . Vivere negando questo è come camminare brancolando nel buio. Non hai bisogno di illuderti che il mondo sia perfetto per essere felice. Devi accettare la realtà ed utilizzarla per vivere al massimo.

Martin Seligman  esperto di psicologia positiva dell’Università della Pensilvania dice …

Ciò che non ti uccide ti fortifica…

Forse non ha tutti i torti.

Evitare significa perpetuare il dolore . Non possiamo aggiustare le avversità che non fronteggiamo.

Ma quando ci confrontiamo con qualcosa, cresciamo e viviamo una vita migliore.

© 2019 Pura Vida Coaching ! P. IVA 01833230897